PSYCHO – Alfred Hitchcock – Recensione

key_art_alfred_hitchcock_presents
Questa recensione è stata pubblicata il 3 ottobre 2012 su Uno studio in giallo, blog della mia amica e collaboratrice Simona Tassara.

Dato che adesso ho una sezione dedicata ai film su questo sito, e che il post gode di un certo successo (sorriso fiero 😀 ) ho pensato di ripubblicarlo.


RECENSIONE

 

Psycho – Alfred Hitchcock (1960)

psycho artworkPsycho è un vero e proprio cult movie, uno di quei film che “devi” vedere, che tutti conoscono, almeno per sentito dire. Un film che non ha bisogno di presentazioni, insomma. Dopo averne sentito parlare fino allo sfinimento, mi sono deciso a vederlo.

Phoenix, Arizona.

Marion Crane lavora in una società immobiliare e ama un uomo divorziato, Sam Loomis. I due vorrebbero vivere insieme, ma Sam ha problemi economici e per questo è costretto a rimandare sempre la loro convivenza. Marion, pur a malincuore, capisce e sopporta la situazione. Ma quando le vengono affidati 40.000 dollari dal suo direttore, non ci pensa due volte: quei soldi sono l’opportunità della sua vita. Invece di depositarli in banca, si mette in viaggio per raggiungere il suo Sam e realizzare il loro progetto amoroso. Ma il viaggio è lungo, arriva la sera, e Marion deve dormire. Si imbatte nel Bates Motel, una struttura solitaria e deserta gestita dal timido Norman, che vive in una casa vicino al motel con la sua vecchia madre.

Quella sera, Marion riflette su ciò che ha fatto e si pente. Decide di porre fine a quella situazione e di restituire i soldi. L’indomani si metterà in viaggio per tornare a Phoenix. Ma adesso deve dormire. E prima deve fare una doccia…

La situazione precipiterà, in un vortice di violenza, tensione e psicosi capace di coinvolgere completamente lo spettatore, fino al finale, sorprendente e memorabile.

Il film è stato girato da Hitchcock nel lontano 1960, volutamente in bianco e nero per evitare problemi con la censura, data la presenza di sangue e violenza.

La grande distanza temporale (parliamo di 52 anni, in cui il cinema si è evoluto parecchio…) si fa sentire in negativo solo per quanto riguarda le scene dei delitti, troppo “mimate”, poco credibili (non si ha la sensazione che il coltello penetri davvero nel corpo…), pur essendo eccellenti per l’epoca.

Per il resto, invece, “l’anzianità” del film non ha conseguenze negative; anzi, forse la geniale semplicità di questa pellicola è da ricondurre proprio all’evoluzione della tecnica cinematografica ancora relativamente scarsa, che ha contribuito a rendere il film più artigianale, più teatrale.

* INIZIO SPOILER *

La regia è efficace, la cinepresa viene mossa come un occhio curioso e attento, che ci regala una fotografia d’impatto, nitida e piacevole. La sceneggiatura, tratta dal romanzo omonimo pubblicato nel’59, dà vita a una storia solida e efficace, capace di tenere costantemente in tensione il pubblico, riuscendo, in alcune scene clou, a far trasalire anche lo spettatore più navigato. La storia è fine a sé stessa e priva di grandi pretese che vadano oltre lo spettacolo puro, e ciò le conferisce freschezza e maggiore godibilità. Impossibile non menzionare la colonna sonora, in particolare la sequenza di note acute che fa da sottofondo alla celebre scena in cui Marion viene accoltellata sotto la doccia.

* FINE SPOILER*

La performance degli attori è credibile e solida, pur non spiccando nel contesto, dovendo competere con l’altissima qualità della regia, della sceneggiatura, della colonna sonora e della fotografia.

Anche se il film non ha vinto nessuno degli Oscar per cui aveva ricevuto le nomination (regia, attrice non protagonista, fotografia, scenografia) si tratta senza dubbio di un capolavoro, una pietra miliare che gli amanti del thriller non possono perdere.

Aniello Troiano

 

Annunci

2 pensieri su “PSYCHO – Alfred Hitchcock – Recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...