A Touch of Cloth – Miniserie (1° e 2° Stagione)

Touch-Of-Cloth
Domanda numero 1: come sono arrivato a questa miniserie?

Cercavo una black comedy britannica. Sono andato su wikipedia (in inglese) e ho iniziato a guardare un po’ di titoli.
Ed eccoci arrivati a “A Touch of Cloth”.

Con black comedy si intendono tante cose diverse tra loro. A scanso di equivoci, credo che questa miniserie dovrebbe essere definita semplicemente: parodia. Si tratta, infatti, di una gigantesca presa in giro degli stereotipi più triti del poliziesco.

Ogni stagione è composta da due episodi da 45 minuti. Fino a oggi ne sono state girate solo due. In pratica, ci troviamo davanti a due film da un’ora e mezza divisi in primo e secondo tempo.

Nel primo, un serial killer uccide a spadate una serie di persone. A occuparsi del caso è Jack Cloth, poliziotto traumatizzato dalla morte violenta della moglie per mano di un ignoto assassino, dedito al bere e bla bla bla. Ma come al solito, c’è sempre bisogno dell’ubriacone depresso di turno per risolvere un caso difficilissimo. Anche quando difficilissimo non è.
Nel secondo, il nostro si infiltra in una banda di rapinatori e sventa un attentato terroristico.
A completare il tutto, il solito odio tra capo e sottoposto talentuoso-ma-insubordinato-e-difficile-da-controllare, la classica tensione erotica irrisolta tra due personaggi che vorrebbero far sesso ma poi si fanno prendere dalle pippe mentali, cattivi che ridono in modo fintissimo, eccetera, eccetera…

In questo show inglese i cliché vengono finalmente derisi. Una gag segue l’altra, e la parodia è molto spesso volutamente eccessiva, demenziale. L’unico lato negativo è rappresentato dal fatto che dopo un po’ la mente si abitua a tutte queste gag divertenti e sviluppa una specie di immunità.

Lo consiglio agli amanti del poliziesco stanchi dei cliché e desiderosi di passare tre ore a ridere e sorridere davanti a una miniserie un po’ demenziale. 

A proposito del titolo: è sia la parodia di un titolo di una serie poliziesca, “A Touch of Frost”, sia un riferimento all’espressione inglese “to touch cloth”, che vuol dire “essere sul punto di cacarsi addosso”.

Qui sotto potete vedere una scena (a mio parere fantastica) molto rappresentativa della serie.

Annunci

One thought on “A Touch of Cloth – Miniserie (1° e 2° Stagione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...