Statti attento da me – Amleto de Silva (Recensione)

La copertina di "Statti attento da me"

Amleto de Silva è uno di quegli autori che o ti piacciono un sacco o ti fanno schifo. So che come frase può sembrare banale, ma non lo è: lo sarebbe stata se avessi detto “il classico autore che…”, e invece trovare un autore estremo, in grado di prendere una posizione netta, oggi non è classico neanche un po’. In un mondo editoriale pieno di cloni e di libri pensati per piaciucchiarti un pochino, trovare un autore che non fa compromessi, in primis con se stesso, è raro.

Ciò costituisce un merito innegabile di Amleto de Silva. Ha scritto il libro che voleva scrivere, stop. Se n’è fottuto dello show don’t tell esasperato e di tutte le regolette di quelli che io chiamo omogeneizzati/omogeneizzanti di scrittura creativa. In questo libro ha raccontato le storie di personaggi miserabili, ma purtroppo estremamente comuni e quotidiani, con uno stile che attinge a pieno dalla lingua parlata, in un ibrido di italiano e dialetto vivo e pulsante. L’autore ci racconta di ciò che vediamo tutti i giorni, intorno a noi: disoccupati cronici, ragazzi troppo poco cattivi per concludere qualcosa, pallisti da bar, zoccole, arrivisti, viziati e viziate, furbetti, cocainomani con le pezze al culo, giornalisti accattoni, scrittori con ambizioni da vate (o forse da superstar), magistrati cazzaroni…

Una domanda sorge spontanea: che senso ha rileggere su carta la merda che vediamo tutti i giorni?

La risposta che mi sono dato è che se uno sa raccontarla, allora anche quella merda, anche quel materiale (sub)umano diventa degno di essere narrato. Per me il narratore è chi racconta la realtà con una bella storia; e de Silva corrisponde in pieno a questa descrizione. In lui ho visto un attitudine simile a quella di Welsh, anche se poi il tipo di scrittura è diversa e diversa è anche la quantità di talento. Amleto de Silva non è uno scrittore straordinario, ma è uno scrittore vero, onesto, competente, bravo. Con questo libro non ha dato vita a una storia straordinaria, né a una trama memorabile o a personaggi gloriosi: con questo libro ha creato una piccola frattura nel mare di stronzate posticce che affollano le librerie. Ha offerto, a chi lo vuole, un romanzo radicalmente diverso, una storia che parla della realtà per quella che è: disperata e priva di senso, a tratti divertente, sì, ma sempre foriera di una risata velenosa, sarcastica. Non è un libro per tutti, sicuramente. E’ un romanzo per chi vuole qualcosa di diverso, di vero. Con tutti i pro e i contro del caso.

A me è piaciuto. E ve lo consiglio.

Qui trovate il link il blog di Amleto: http://www.amlo.it
Qui il link alla pagina dedicata al libro sul sito dell’editore, ‘Roundmidnight: click

Sia sul blog di Amleto, sia sul sito dell’editore, potrete scaricare gratis un grosso estratto del libro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...